Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.
 

Le trincee di Tiso/Funes

Nel terreno attorno a Tiso, collocate su dieci alture tra la valle e la montagna fino all’altitudine di 1260 metri slm, si possono trovare vecchi muri, fosse e caverne, in parte dissotterrate o nascoste. Sono testimoni di una vasta linea di fortificazioni campali, costruite come parte del previsto “Sbarramento di Chiusa” all’inizio della Prima Guerra Mondiale. Poco dopo l’inizio della Prima Guerra Mondiale l’impero Austro-Ungarico, K. u. K. Ministero della Difesa del Tirolo, decise di costruire fortificazioni campali a nord di Chiusa, dove la Valle Isarco si restringe. Queste costruzioni avevano lo scopo di rallentare ed eventualmente fermare l’occupazione territoriale delle truppe italiane, nel caso in cui fossero entrate in territorio bolzanino o se avessero superato il fronte dolomitico. Da novembre del 1914, sui colli di Tiso furono costruite trincee e caverne su dieci alture, che per maggiore sicurezza vennero protette da recinti di filo spinato - una linea difensiva tra un’altitudine di 600 metri e un’altitudine di 1260 metri slm. A fine di giugno del 1915, dopo soltanto sette mesi, i lavori a Tiso furono interrotti. La mano d’opera era più necessaria in prima linea. Però si constatò che “La capacità di difesa” a questo punto era stata “quasi dappertutto raggiunta”. Poiché il fronte al confine sud del Tirolo poté essere tenuto fino alla fine della guerra, la linea difensiva di Tiso non fu mai teatro di eventi bellici. Durante la costruzione e negli anni di guerra però le trincee di Tiso vennero usate come postazioni per l’addestramento. Negli ultimi 100 anni le trincee furono parzialmente demolite dall’uomo, ma anche la natura si è ripresa una parte del suo territorio. Al centenario della Grande Guerra si è costituito il “Gruppo di Lavoro delle trincee di Tiso” con lo scopo di studiare la storia di queste trincee, di conservare gli oggetti più importanti e di presentare i risultati delle ricerche agli interessati. Due trincee ben conservate e liberamente accessibili possono essere raggiunte dal centro del paese in una breve escursione.

Informazioni

Informazioni nel Museo mineralogico Tiso, tel. 0472 844 522 e Ufficio Informazioni S. Pietro, tel. 0472 840 180 e sul sito www.schuetzengraeben-teis.eu
Newsletter
Offerte, notizie e cataloghi attuali di Funes
teamblau